011 191 798 48
Lun-Ven: 10 AM - 1 PM

Lo stress, pt.2

Image Description

Lo stress, pt.2

Fattori che provocano lo stress

Molte sono le cause che possono portare a stati di stress, e naturalmente ciò che per una persona stressante, necessariamente può non esserlo per un'altra. Possiamo individuare comunque “ambienti” , che definiamo individuai o sociali, quali la vita privata e consuetudini domestiche, la salu­te, il lavoro e le finanze.

Ognuno di questi "ambienti" richiede un intervento ed una risposta che in alcuni casi può portare a situazio­ni di alterazione.

Possono esplo­dere allora le nostre paure, la troppa competitività, le pressanti aspettative verso noi stessi o verso l'esterno o un forte senso di ina­deguatezza.

In alcuni casi la situazione potrà essere superata dopo un sano eu­stress. in altri ci vorrà più tempo. In ogni caso queste situazioni ci aiutano a comprendere la possi­bilità di spingerci oltre i nostri limiti, ripensando e rivedendo le nostre capacità e di porre in atto nuove soluzioni in comportamento e organizzazione. Possiamo quindi semplificare affermando che le cause scatenanti hanno es­senzialmente due aspetti. uno in­terno ed uno esterno.

L'aspetto interno è il più subdolo, dipende moltissimo dal rapporto con noi stessi, dalla conoscenza del nostro modo di vivere, di agi­re, pensare e dalle aspettative che ci creiamo. È espresso con insod­disfazioni esistenziali generalizza­te che, spesso ci impediscono di vivere con soddisfazione il nostro benessere, il rapporto positivo con le emozioni, le azioni ed i pensieri del nostro quotidiano.

L'aspetto esterno è più individuabile, definito, identificato. Può essere il risultato di anomale pressioni sociali o di situazioni che entrano in collisione con i nostri principi, valori, credenze, affetti, possibilità reattive e capacità. Può essere l'attuazione di scelte organizzative o strutturali che segnalano un cambiamento, oppure l'impossibilità di reperire risorse adeguate per la realizzazione di un progetto, oppure l'inadeguata cura delle relazioni tra Management e risorse oppure l'impossibilità dell'Azienda di riproporsi sul mercato.

I numeri dello stress

Nel "Rapporto Italia 2006" stilato da EURISPES il 61,9% degli intervistati ha individuato come fonte primaria di nervosismo il carico di lavoro, il 56,9% le scadenze e le pressioni sui tempi. Tra le relazioni umane, provocano maggiore stress i rapporti con i clienti/fornitori (35,8%) e con i superiori (28,1%), rapporti con i colleghi generano minore nervosismo (22,4%). Altro fattore di stress rilevato è il pendolarismo (30,4%), di persone che si spostano da casa al lavoro. Secondo l'indagine dell'Europea Commissione Occupazione & Affari Sociali il 45% dei circa 150 milioni di lavoratori negli stati della UE riferisce di svolgere lavori monotoni, il 44% non può usufruire della rotazione dei compiti, il 50% è addetto a compiti ripetitivi di breve durata, il 35% non può influire sul ritmo di lavoro, il 54% afferma di lavorare a ritmi serrati e il 56% di dover rispettare scadenze pressanti.

Sempre su incarico della Fondazione Europea per il lavoro gli studi hanno condotto a considerare l'aspetto economico. Si è cercato di calcolare l'incidenza sulle ore lavorate e sui costi del lavoro, di situazioni che potessero esse-re messe in relazione alo stress. Si è evidenziato che “l'azienda può non solo ridurre o contenere le spese per "malattie" dei dipendenti, ma anche preservare e aumentare la salute e la produttività dell'organizzazione"...continua “la prevenzione dello stress dovrebbe senz'altro essere inserito fra le priorità assolute delle politiche per la salute e la sicurezza sul lavoro".

Sempre secondo la medesima agenzia i costi per la collettività di tutti i problemi di salute di origine professionale variano fra il 2,6 e il 3,8 % del rispettivo prodotto interno lordo pari ad una media di 200 miliardi di curo all'anno. Si è supposto che il 10-12 % dei suddetti siano da attribuire "allo stress legato all'attività lavorativa " si può affermare che quest'ultimo comporta una spesa di circa 20 miliardi di curo anno.

  • Pubblicato il 08 January 2018

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri post dal Blog

Image Description
04 May 2018

I 7 livelli del perdono | Qual è il tuo?

Il perdono dal punto di vista di se stessi, è una cosa saggia da fare in quanto ci libera dalla rabbia e dal risentimento che ci fanno ribollire dentro. Per sentirci liberi, felici e soddisfatti, dobbiamo costantemente perdonare e dimenticare; non solo per estendere il nostro amore a tutti, anche alle persone che ci feriscono, ma anche per mostrare il nostro amore a noi stessi.

Leggi...
Image Description
23 Apr 2018

La leggenda del Wesak

"Durante il Wesak, c'è un canale di comunicazione aperto tra l'umanità e Dio, attraverso cui l'amore e la saggezza di Dio stesso si riversa sul mondo bisognoso e in attesa. In questo periodo divengono possibili grandi espansioni di coscienza che non sono possibili in altri momenti. Discepoli e iniziati sparsi ovunque possono ricevere aiuto ed essere spiritualmente spronati a fare dei grandi passi altresì chiamate iniziazioni. Dopo possiamo tornare con rinnovata forza...

Leggi...
Image Description
09 Apr 2018

Il futuro è nelle nostre mani!

Nel territorio dell'Alto Garda durante questi anni abbiamo proposto e sperimentato diverse attività, percorsi per il benessere dei bambini e serate esperienziali su come la conoscenza e la pratica del Pranic Healing possa essere un valido aiuto in diversi ambiti della vita tra cui la cucina, il giardinaggio e le colture, la casa e l'espressione artistica. Il Pranic Healing dà accesso a un modo nuovo di...

Leggi...

Iscriviti alla nostra newsletter